back to top
  /  Interviste

Interviste

Eccoci qua, con un nuovo artista all'appello. La prima del 2017 per questa rubrichetta che è già al terzo appuntamento e che mi rende molto felice. Sì perché trovo meraviglioso che tutti questi fantastici artisti vengano allo scoperto e decidano di regalarci un pezzettino delle loro personalità proprio qui, sul mio blog, per tutti noi. Quindi come sempre, mi sposto e mi siedo con voi dal lato del pubblico e lascio spazio all'opsite, che stavolta è Monica.

we-make-art-elements-0110 QUESTIONS TO GET TO KNOW MONICA GORI

Sembra timida ma nasconde un carattere frizzante e ironico che traspare nello stile dei suoi dolcissimi disegni. Tratti semplici, colori caldi e messaggi profondi sono le cose che caratterizzano le sue opere, vi presento Monica Gori, illustratrice ventiseienne di Rimini. Ma vi lascio alle sue parole, che la descrivono molto meglio delle mie! • Quando e come hai cominciato a fare arte? Prima di tutto ti ringrazio per avermi dato la possibilità di mettere nero su bianco pensieri e processi che stavano nella mia testa, ora mi sembrano molto più ordinati! Sento di conoscermi meglio! Sin dall’asilo amavo i colori e credo di non aver mai smesso! Non c’è stato un vero periodo di inizio, è stato più che altro un lungo percorso, fatto di tanti esperimenti, che mi ha portato poi a studiare illustrazione nel 2012.

Hey, eccoci qua con il secondo artista! Sono super felice di presentarvi l'artista di oggi perché non è solo una validissima disegnatrice digitale, ma anche una cara amica. :)

we-make-art-elements-0110 QUESTIONS TO GET TO KNOW GLORIA BELARDINELLI

Si chiama Helowene ma ha cominciato a presentarsi come Gloria e adesso tutti la conoscono sotto questo nome. I suoi lavori, come il suo blog è un mix di colori e concetti che parlano di lei. Super positivita e determinata insegue i suoi sogni in modo concreto e ha da poco assemblato un team con cui lavora giorno dopo giorno al sito Saint Motel Italia, dove scrive ed è illustratrice. • Quando e come hai cominciato a fare arte? Vengo da una famiglia di creativi, quindi in realtà credo di aver iniziato non appena ho imparato a tenere una penna in mano. •  Come hai fatto a trovare il tuo stile? Secondo te è possibile averne più di uno? Perché? La mia adolescenza è stata letteralmente travolta e influenzata dai

Dunque dunque, finalmente è giusto il momento di svelarvi la sorpresa a cui avevo accennato nei post passati. Sono lieta di annunciare la prima intervista dagli artisti, agli artisti, per tutti: "we make art". In che senso? In tutti i sensi! Sì, perché le domande che vengono poste sono state create raccogliendo opinioni da artisti emergenti, verranno fatte alla stessa categoria di persone e (spero) sazieranno la curiosità di molti di questi che magari hanno voglia di confrontarsi fra le righe  che raccontano di queste dimensioni lontane ma parallele allo stesso tempo, oltre che tutti gli altri curiosi in ascolto. :) Bando alle ciance, vi presento la prima ospite!

we-make-art-elements-0110 QUESTIONS TO GET TO KNOW M SKETCHES

Lei si chiama Martina, vive a Firenze ma il cuore l'ha lasciato in Spagna. Ama la cucina cinese take-away ma sopratutto non fa altro che disegnare e acquerellare giorno e sera... martina-molinari-firenze-m-sketches • Quando e come hai cominciato a fare arte? Ero in erasmus a Madrid e stavo passeggiando nel Parco del Retiro quando mi sono imbattuta in un gruppo di persone sedute sul prato, vicine, che parlavano e disegnavano ciò che avevano intorno. In quel momento ho realizzato che…volevo farlo anch’io! In 5 minuti ero già al primo Tiger raggiungibile a comprarmi un quadernino e delle matite. Quell'incontro al Retiro mi ha aperto le porte al magico mondo dell’Urban Sketching, ovvero quel pianeta in cui non esiste un disegno fatto bene e uno fatto male, esiste solo la tua personale riproduzione della realtà, con il suo particolare livello di realismo. Da quel momento ho più o meno fatto un disegno al giorno. Poi, si sa, più si disegna più si scoprono trucchetti e si imparano tecniche, per cui è stato sempre più divertente.