Blue skies, blue mood.

There is always a time
and a space,
proper ones.
And proper times
and spaces
to miss the chances
to discover what’s on
the other side.

Sometimes we just don’t feel okay. For all the times we hide things to others and especially to ourselves, there are times when they emerge and they claim to be faced.
We can’t always have bright days.
I had a dark one the other day. 

Read More

Connections

Connections

A bell is ringing.
Can you hear it from the woods?
A ray of light
hole the shadow.
Don’t speak now,
listen to the sough of the wind
wash your face from the past,
you can leave it here.
Can the music keep playing?
I don’t want to hear anything else.
I just want to rest my head
We’ve been wandering too long.
I lost the count of my steps.
all I know is they brought me here,
to face the wanderer
and lay my weights.
How did I become so different?
How did I become so much like you?
How are we so apart?
How are we so alike?

Nel buio

20161002_220537

Sono al buio, già.
E l’unica luce che ho è quella del pc.
L’unico suono che sento è la musica che esce dagli altoparlanti.
Ascolto questa canzone:

E penso.

Sì, perché la musica mi fa sempre pensare un sacco. Sarà per questo che molti dei miei lavori gli sono legati? Come quando da piccola arrotolavo lo spago dei palloncini intorno alla mano e questo scendeva sempre più vicino, con la stessa andatura la melodia si avvicina e si insidia nella mia mente, spegnendo quello che mi circonda, lasciando spazio solo alle immagini che mi scorrono in testa.

Da un po’ ho in testa un disegno collegato ad una canzone che non riesco a tirar fuori.
Spero di riuscire a materializzare qualcosa nei prossimi giorni. 🙂

Chiara