Cheap 2018 | Call for Artists

Da qui in avanti vorrei riuscire a veicolare più contest possibili a e per tutti gli artisti là fuori,  partendo da una call molto interessante che aspettavo da tempo e a cui vi invito a prendere parte. La Call for artist 2018 di Cheap.

Il tema di quest’anno è Frammento/Unità e la descrizione che riportano sul sito, che fa anche da linea guida, è decisamente molto interessante. Mi fa venire voglia di mettermi al lavoro subito!
Ve ne lascio qui un estratto:

” […] Ogni vostro singolo poster è frammento di una narrazione collettiva che è unità.
Ma anche come sono le nostre società, sempre più frammentate in singole atomizzazioni sociali, culturali, economiche. Sottoposte ad una parcellizzazione che avvertiamo come limite capace di innalzare confini e disegnare conflitti, in grado di contrapporre singole soggettività e di trasformarle in elementi pronti alla collisione […]
CHEAP vuole sfidarvi a superare questa frammentazione e ad immaginare nuovi scenari di ricomposizione: deframmentate, ricomponete, ricostituite, dateci accesso a nuovi sistemi complessi. Spiegateci cosa significa essere singoli in un contesto plurale, sperimentatevi come atomi all’interno di materia differente, date spazio alla possibilità di essere diversi ma pari, verificate che il tutto sia maggiore della somma delle parti. […] Declinatevi come batteri e sperimentate la viralità della nuova colonia. Dimostrateci che è necessario essere gocce per poter essere marea.”

Parteciperete? Io di sicuro e vedrete la mia proposta di poster anche qui sul mio sito. Vi lascio il link alla loro pagina, dove potete leggere il regolamento completo, in fondo a questo post, scrollate!
Cosa ne pensate? Vi piace il tema? E vi piace l’idea di trovare qui raccolti tutti i contest più interessanti che trovo? Lasciatemi un commento qui sotto e ditemi la vostra!

CALL FOR ARTIST 2018 | CHEAP

~

Vorresti ricevere tutte le news sui contest e sul mondo della creatività?
Iscriviti alla mia newsletter!

Hoppìpolla | Una scatola magica

Premi play per creare l’atmosfera:

Avete mai sentito parlare di Hoppìpolla? 
È una scatola magica, piena di cose belle e di felicità.

è così che mi sono sentita quando ho aperto la mia proprio oggi! L’aspettavo da un po’, era la prima volta che arrivava e come tutte le cose nuove regala un misto di incertezza, aspettativa e impazienza.
Posso dirvi che non sono rimasta delusa.

Hoppìpolla è un abbonamento al buio, esatto, come gli appuntamenti. Ogni mese riceverete una scatola con dentro tutto quello che questi ragazzi hanno raccolto, tra artisti emergenti, riviste di nicchia e prodotti di design.
Questo mese ci hanno inviato dei carlini magici, della cioccolata e delle riviste che parlano di artisti europei. Spero che quella di Aprile sia azzeccata come questa, vedremo. Vorreste vedere un nuovo post per le prossime scatole? Se sì, lasciatemelo scritto nei commenti. 😉

Vi ho incuriosito? Allora cosa aspettate? Vi lascio il link al loro sito in fondo al post. Scrollate, cliccate e immergetevi nel loro coloratissimo mondo!

HOPPìPOLLA

Vorresti ricevere più news sul mondo della creatività?
Iscriviti alla mia newsletter!

Dive into words, like the white whale. [Free download]

Ebbene sì, ho strappato questa pagina dal libro di Moby Dick. Da una copia usata e piuttosto vecchia per la precisione. Bella edizione, la traduzione mi piaceva molto.

I miei amici mi hanno detto che sono un mostro per averlo fatto.
Ma l’ho fatto in nome dell’arte, mi perdonerete mai? 

Dai, in realtà era solo una parte del libro vero! 
Lo trovai anni fa ad un mercatino dell’usato e cominciai così a leggere Moby Dick, ma come ho scritto sopra, era solo una parte. Per questo mi sono presa una bellissima edizione illustrata e ho deciso di utilizzare questo per divertirmi un po’. 🙂

Tra l’altro il disegno originale sarà un regalo ma pensandoci bene, ho deciso di farne un regalo per tutti… anche voi! Esatto, trovate la versione stampabile in A4 gratis nell’area download del sito! <- cliccate per andarci. Se non l’avete ancora fatto e non riuscite ad accedere, vi basta registrarvi alla mia newsletter per ricevere il codice ti accesso. Cliccate qui per registrarvi. ❤
Consideratelo il mio regalo di Natale, eheh.

Beh ragazzi, se lo scaricate e stampate, mandatemi assolutamente una foto della stampa appesa, mi farebbe super piacere!

Chiara

Blue skies, blue mood.

There is always a time
and a space,
proper ones.
And proper times
and spaces
to miss the chances
to discover what’s on
the other side.

Sometimes we just don’t feel okay. For all the times we hide things to others and especially to ourselves, there are times when they emerge and they claim to be faced.
We can’t always have bright days.
I had a dark one the other day. 

Read More

Within, White Out

That’s the name of my first exhibition in the beautiful town I’m living, Florence. 
It’s been 2 years now since I moved here. My life changed completely, I took back some things I totally stopped doing, like singing, writing, drawing.
2 years ago I would have never thought about seeing my drawings exposed in Florence.
And if only you knew how much I love unexpected plot twists in my life. 🙂

But keeping it simple and short, I’m writing to share with you this event, just in case you happen to be in Florence this wednesday, I will be at via dell’Albero 18, inside the ContestaRockHair salon, and my drawings will be there for about a month. 

I really wish to see you there. ❤

Chiara

Connections

Connections

A bell is ringing.
Can you hear it from the woods?
A ray of light
hole the shadow.
Don’t speak now,
listen to the sough of the wind
wash your face from the past,
you can leave it here.
Can the music keep playing?
I don’t want to hear anything else.
I just want to rest my head
We’ve been wandering too long.
I lost the count of my steps.
all I know is they brought me here,
to face the wanderer
and lay my weights.
How did I become so different?
How did I become so much like you?
How are we so apart?
How are we so alike?

Jumping into 2018 while exploring Italy

FINALLY the 2017 is gone. Lol, just kidding.

2017 was not bad year for me, at all, but December is always a terrible month in my opinion. Plus I really needed some holidays and some time for me.

Like a lot.

Don’t know about you, but sometimes I need to get completely away and do something that can restore my will power, my inspiration, myself. Most of the time this means travelling and roaming somewhere, in order to free my mind and gain back that voice in my head that whispers “Get back to your work, now!”.

Right now is actually screaming.

But let’s take this from the beginning. Me and my mate, with our almost nonexistent budget tried to book some flight or holiday. Of course everything is terribly expensive during the new year’s period, so we just decided to jump in the car and visit Umbria, one region of our beautiful country.

Being broke has a good side: it makes choices quite easy to make.
So we packed our things, our enthusiasm and we started our trip.
Pynch were now on the road:

Read More