3×3 | Book Review

Vi ricordate il mio post su Artefiera? Ecco, ho omesso un dettaglio importante, ovvero che l’entrata era tappezzata di libri e riviste meravigliose in vendita. In questi posti mi succede due cose in sequenza. Prima vado in brodo di giuggiole, mi trasformo in un Gollum delle librerie e vorrei portarmi a casa tutto, in seconda battuta mi ricordo di quanto sono povera e che il furto è reato e che quindi è meglio abbassare le mani.
Però quando vedo tante cose belle tutte insieme, in un luogo che mi ha dato in qualche modo gioia, ecco, io qualcosa a casa ce lo devo riportare. 
Ed ecco che parte tutto il mio processo mentale in cui tocco, sfoglio, guardo e decido quale sarà il pezzo che diventerà l’emblema di quel preciso evento.

In questo caso, il vincitore di Artefiera è una rivista molto particolare che ho trovato allo stand dell’Edicola 518 di Perugia e che non conoscevo prima. 3×3 oltre ad essere la protagonista di questa review è sopratutto una raccolta annuale dei migliori illustratori che si sono distinti in un determinato anno, in questo caso ovviamente del 2017.
Quello che mi è piaciuto di più è che siano stati divisi non per stati o per stili, che di solito creano solo una certa noia mentale nel lettore, ma per categorie di medium. Dai poster, alle illustrazioni per l’editoria, dalle riviste ai videogames, le possibilità di declinazione e applicazione degli stili sono infinite e questa impaginazione ci aiuta a renderci conto che i nostri gusti possono sempre servire a qualcuno a prescindere dal settore.

Animated GIF - Find & Share on GIPHY

Non è vero che uno stile è migliore di un altro per una determinata cosa, o meglio, forse sì ma non date mai nulla per scontato.
Infine, ma non credo che ci sia bisogno di dirlo, è una miniera d’oro per trarre ispirazione e gli illustratori presenti sono a dir poco magnifici.

Come sempre, lascio parlare le immagini e spero di avervi incuriosito.
E Voi? Avete una rivista da cui traete ispirazione? Parlatemene nei commenti!

VISITA IL SITO DI 3X3 MAGAZINE

e non dimenticare di iscriverti alla mia newsletter <3

Dive into words, like the white whale. [Free download]

Ebbene sì, ho strappato questa pagina dal libro di Moby Dick. Da una copia usata e piuttosto vecchia per la precisione. Bella edizione, la traduzione mi piaceva molto.

I miei amici mi hanno detto che sono un mostro per averlo fatto.
Ma l’ho fatto in nome dell’arte, mi perdonerete mai? 

Dai, in realtà era solo una parte del libro vero! 
Lo trovai anni fa ad un mercatino dell’usato e cominciai così a leggere Moby Dick, ma come ho scritto sopra, era solo una parte. Per questo mi sono presa una bellissima edizione illustrata e ho deciso di utilizzare questo per divertirmi un po’. 🙂

Tra l’altro il disegno originale sarà un regalo ma pensandoci bene, ho deciso di farne un regalo per tutti… anche voi! Esatto, trovate la versione stampabile in A4 gratis nell’area download del sito! <- cliccate per andarci. Se non l’avete ancora fatto e non riuscite ad accedere, vi basta registrarvi alla mia newsletter per ricevere il codice ti accesso. Cliccate qui per registrarvi. ❤
Consideratelo il mio regalo di Natale, eheh.

Beh ragazzi, se lo scaricate e stampate, mandatemi assolutamente una foto della stampa appesa, mi farebbe super piacere!

Chiara

“Will Happiness find me” by Peter Fischli and David Weiss | Book Review

I believe that exploring what’s behind and inside our minds is even more interesting than what we can create sometimes. Or at least, it can help us get into that one’s life and to understand how that person became who he or she is.

I believe that the ideas that we have are just the product of everything that surround us.

Un post condiviso da Chimù – Chiara Mulas (@chimu_art) in data:

Read More